Il “ma” giapponese e l’equilibrio tra vuoto e pieno

pubblicato in: Artwork | 0

 

 

Siamo totalmente appassionate del mondo e della cultura giapponese, un Paese  modernissimo che ha preservato le sue radici classiche.

Quest’anima dove coesistono tradizione e modernità  ci affascina e ci ispira, soprattutto nell’arte.

“Ma” è un termine giapponese traducibile come “spazio”, “pausa”: si tratta dello “spazio vuoto tra due elementi strutturali” ed é un concetto basilare della cultura giapponese che ovviamente si riflette anche nell’arte.

 

Incontro tra modernità e tradizione

 

Il “ma” è infatti la chiave di volta delle discipline artistiche in Giappone: i pittori giapponesi cercano di creare un “vuoto pieno di senso” attraverso l’utilizzazione dello spazio bianco. La presenza del bianco, quindi del vuoto, è fondamentale tanto quanto la presenza del “pieno”.

È interessante notare come certi valori non cambiano attraverso i secoli e le evoluzioni artistiche: lo scopo è sempre la ricerca dell’equilibrio fra pieno e vuoto, e quindi dell’equilibrio compositivo, fondamentale tanto nella pittura quanto nella fotografia.

 

 

 

 

 

Alla prossima!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *